Cellebrite: quali saranno le novità del mercato nel 2017?

Il 14 novembre si è tenuta a Tel Aviv nel Crowne Plaza la Cellebrite’s Distributors Conference, nella quale la Cellebrite ha incontrato i suoi partner più rappresentativi.

 

Questo evento è stato organizzato dall’azienda israeliana, leader mondiale di tecnologie delle investigazioni digitali, per confrontarsi con i suoi migliori partner di canale e per condividere con loro la visione del mercato del Mobile Forensics oltre che presentare in anteprima quelle che saranno le novità del mercato nell’anno 2017. All’incontro erano presenti partner provenienti da 46 paesi e Datamatic Sistemi & Servizi è stata invitata per rappresentare l’Italia proprio grazie ai risultati raggiunti negli ultimi anni.

 

Alon Klomek, EVP International Sales della Cellebrite, ha aperto la conferenza ringraziando i partecipanti sia per l’impegno che per i risultati raggiunti e ha sottolineato la mission dell’azienda israeliana:

La Cellebrite non è un’azienda finalizzata al solo profitto ma il suo intento è quello di sviluppare le migliori tecnologie per assicurare i criminali ed i terroristi alla legge.

 

A tal proposito Alon Klomek ha ricordato come le prime 48 ore sono importantissime per la risoluzione di un caso criminosoe che trascorso questo lasso di tempo le possibilità di risolverlo si riducono drasticamente al 50%; pertanto è importante che le tecnologie siano sviluppate affinché risultino semplici e fruibili da tutti gli operatori.

 

Al momento il gap tra le capacità di nascondere delle informazioni e quelle di trovarle si sta ingrandendo; per questo motivo la Cellebrite ha deciso di creare un centro di competenza dedicato alla soluzione di problematiche complesse. In questo team rientrano i ricercatori e gli investigatori nazionali più esperti con contatti nella community internazionale.

La convention è proseguita con l’intervento di Aron Tirosh che ha presentato i trend di mercato dove la Cellebrite intende investire nel prossimo futuro. Tre sono le aree di interesse:

  • Telefoni e applicazioni criptate
  • Aggregazione e analisi dei Big data
  • Recupero di dati immagazzinati fuori dal telefono

 

Secondo la Cellebrite anche i settori privati come Telco, Banking, Financial Services, Assicurazioni e settore aerospaziale, si struttureranno con dei laboratori per affrontare le nuove sfide.

Si assisterà anche a un arricchimento del Portafolio dei prodotti Cellebrite: in arrivo l’Ufed on Android, un software che si può caricare su un tablet per offrire una rapida acquisizione di dati, disegnato espressamente per azioni sul campo. In arrivo anche l’Ufed Touch 2, un nuovo prodotto più veloce, ergonomico e portatile. Va ricordato che ad oggi il prodotto Ufed è in grado di estrarre dati da 20.854 dispositivi mobili.

 

La Convention è terminata il 15 novembre con la visita alla fabbrica e ai laboratori di sviluppo.

 

Dott.ssa Simona Piovano
Digital Forensics Consultant

Che c’è di nuovo in Logicube?

È uscita la nuova versione 3.0 del software per il Forensic Falcon: prodotto utilizzato dalle forze dell’ordine per l’estrazione e la duplicazione delle immagini forensi su supporti digitali quali hard-disk, SSD e Pendrive.

Ricco di funzionalità e con elevate prestazioni, questo strumento rappresenta sicuramente un’eccellenza nel mondo della digital forensics. La nuova release 3.0 si può scaricare collegando direttamente il Falcon ad una rete con accesso ad internet oppure collegandosi al sito Logicube e scaricando su un USB drive.

Ecco le principali innovazioni e migliorie della versione 3.0:

  • Supporto PCIe: il supporto per M.2 PCIe, M.2 NVMe Type SSD, mini-PCIe e PCIe Express è fornito con un adattatore Express Card opzionale in combinazione con adattatori di interfaccia specifici;
  • Doppio Hash: gli utenti possono scegliere MD5, SHA1, SHA256 o doppio hash di autenticazione (MD5 e SHA1 +);
  • Ripristino immagine: la nuova modalità “File to drive” consente agli utenti di ripristinare le immagini create da Falcon (dd, E01, EX01) in un’altra unità;
  • Notifica: un segnale acustico che può essere impostato dall’utente, suonerà al termine dei compiti o in caso di errore;
  • Supporto aggiunto di decrittazione VeraCrypt;
  • Funzionalità “Blank disk check”: utilizzato per verificare se un drive collegato al Falcon è vuoto o cancellato;
  • Funzione “Push”: supporta la selezione dei casi da unità collegate ad entrambe le porte di origine e di destinazione;
  • “Case verify”: questa selezione è stata aggiunta in modalità Hash. Consente agli utenti di controllare i casi da unità collegate ad entrambe le porte di origine e di destinazione;
  • Migliorato il rilevamento delle unità SAS.

 

 

Questo software è distribuito sul territorio nazionale dalla Datamatic Sistemi & Servizi, azienda leader nel campo della sicurezza informatica e punto di riferimento per le forze dell’ordine e per i consulenti forensi. La Datamatic, anche su questa classe di prodotti, offre un’assistenza a 360°: dalla distribuzione sino al supporto tecnico unitamente alla formazione.

 

 

Dott.ssa Simona Piovano
Digital Forensics Consultant

Cellulare alla guida? Arriva Textalyzer!

In USA sta arrivando Textalyzer, una tecnologia che può misurare in tempo reale il tasso di messaggistica degli autisti.

Maniaci del cellulare, fate attenzione! In USA chi sta alla guida con il telefonino in mano è considerato pericoloso quanto chi abusa di alcool. Per questo motivo i deputati dello Stato di New York hanno deciso di introdurre nelle strade l’uso di una tecnologia chiamata Textalyzer e già ribattezzata “sorella dell’etilometro”. Creato dalla Cellebrite, si tratta di uno strumento capace di misurare in tempo reale il tasso messaggistico degli autisti.

Già da tempo negli Stati Uniti ed in molti altri Paesi è stato vietato dalla legge l’utilizzo del cellulare quando si è alla guida se non attraverso auricolari o altri dispositivi che permettono di rimanere concentrati, come il Bluetooth. Unitamente a ciò, le autorità e molti istituti come l’università di Harvard hanno lanciato svariate campagne di prevenzione per invitare i guidatori a spegnere o quantomeno a lasciare «in pausa» i propri contatti social ed evitare i selfie mentre si è al volante.

Nonostante tutto questo, gli incidenti stradali dovuti all’uso del telefonino non si sono ridotti anzi, hanno subito una brusca impennata, quasi l’8 per cento in più nel 2015. Gli americani, come gli italiani e buona parte del mondo industrializzato infatti, continuano seraficamente a inviare messaggi e ad usare Facebook, Instagram o Snapchat nella guida. La procedura che verrà utilizzata sarà questa: i guidatori coinvolti in un incidente dovranno sottoporre ai poliziotti i loro cellulari al test, in modo da stabilire se ci stavano smanettando sopra prima dello scontro oppure no. In caso di rifiuto, si rischierà la sospensione e poi il ritiro della patente o del permesso di guida.

La privacy sarà comunque assicurata: l’idea è quella di avere un dispositivo in grado di fornire solo le tempistiche di utilizzo del cellulare. Se tale proposta di legge in discussione proprio in questi giorni nello Stato di New York venisse approvata, presto diventerebbe una realtà per l’America e forse un domani non troppo lontano potrebbe diffondersi anche in altri Paesi, tra cui il nostro!

I prodotti della Cellebrite sono distribuiti in Italia dalla Datamatic Sistemi e Servizi, Società leader nella digital forensics e punto di riferimento per le forze dell’ordine e delle procure italiane nelle indagini più complesse.

Dott.ssa Simona Piovano

Digital Forensics Consultant

Forensics Europe Expo: un appuntamento importante nel mondo dell’informatica forense!

Si è appena concluso il Forensics Europe Expo (19 – 20 aprile 2016, Olympia London): il solo evento internazionale dedicato alla tecnologia forense.

 

Unico nel suo genere, il Forensics Europe Expo fornisce una visione a 360 gradi dell’intero settore forense che va dalle apparecchiature di laboratorio, alla scena del crimine, fino ad arrivare all’investigazione digitale ed analisi forense. Affluenza da record sia di espositori che di visitatori, tra cui anche la Datamatic Sistemi e Servizi.

Oltre 70 produttori di tecnologie hanno messo in mostra le loro soluzioni; tra i vendor più importanti va segnalata la presenza della Logicube che annunciava il nuovo prodotto di duplicazione forense “Talon Ultimate” e dell’Access Data, che presentava la release 6.0 del software di analisi FTK. Molti dei nuovi prodotti presentati erano legati all’estrazione dei dati dal Cloud e dai dispositivi mobile che rappresentano le nuove sfide dei prossimi anni.

 

Questa fiera univa conferenze di alto livello con dimostrazioni di equipaggiamenti specialistici. Da segnalare il software di riconoscimento facciale della NEC per applicazioni di sicurezza e sorveglianza. Questo processo di identificazione si basa sulla comparazione tra un’immagine con quelle memorizzate precedentemente in un database. Esso può essere utilizzato per l’individuazione di persone sospette in luoghi sensibili come aeroporti, dogane, aree residenziali, in edifici pubblici e privati e, in generale, in ogni altro contesto in cui sia necessaria l’associazione intelligente di identità personale e permesso di transito.

Dott.ssa Simona Piovano
Digital Forensics Consultant

Talon Ultimate: un nuovo strumento per la duplicazione di immagini forensi!

Logicube, azienda affermata nella digital forensics e nella duplicazione di hard drive ha annunciato il lancio di un nuovo prodotto: Talon Ultimate.

Novità nel mondo della digital forensics: Talon Ultimate di Logicube è un potente strumento per la realizzazione di immagini forensi progettato per un utilizzo sul campo o in laboratorio. Si presenta con design compatto, ricco di funzionalità e con una interfaccia utente “user-friendly”. Talon Ultimate è basato sulla stessa tecnologia del prodotto leader del marcato, il Forensics Falcon, ed è stato realizzato per venire incontro ai clienti che richiedevano una soluzione che fosse paragonabile al Falcon ma con un prezzo più contenuto.

Questo nuovo prodotto continua l’eredità orgogliosa delle precedenti generazioni di strumenti di immagine forense Talon e Talon Enhanced Imagers ma con delle novità, che principalmente sono qui riassunte:

 

  • Immagine e verifica da 1 sorgente a 3 destinazioni
  • Velocità di duplicazione di immagine fino a 23GB/min
  • Crittografia AES256 bit
  • Possibilità di utilizzo da remoto attraverso il web browers
  • Supporto standard per le interfaccie SATA, USB3 e IDE.
  • Supporto opzionale per le interfacce SAS & FireWire

 

Talon Ultimate sarà disponibile a partire dal mese di maggio e sarà distribuito dalla Datamatic Sistemi e Servizi.

 

Dott.ssa Simona Piovano

Digital Forensics Consultant